Airness starting Five cover febbraio
indietro

2020-02-29

Airness Starting Five – Febbraio 2020

Tra campionato e Final Eight, la puntata di Febbraio di Airness Starting Five premia le migliori scarpe viste sui parquet di Legabasket A.

Si conclude febbraio e esce la seconda puntata di Airness Starting Five, la rubrica in cui Airness seleziona le scarpe più belle viste sui parquet italiani, catturate dagli scatti dei fotografi ufficiali di Legabasket A. Tra Final Eight di Coppa Italia e il normale svolgimento del campionato, febbraio è sempre un mese particolarmente ricco di basket, così come si arricchiscono anche i piedi dei giocatori, vestiti per l’occasione. Specifichiamo che la seguente non è una classifica di gradimento, ma solo la nostra personale Top 5, in ordine sparso.

Adrian Banks, Happy Casa Brindisi – Nike KD 12 “Aunt Pearl”

Banks sta facendo registrare le migliori medie in carriera e ogni volta si supera. Oltre a essersi migliorato nelle due partite di campionato giocate nel mese, è in Final Eight che Banks è sembrato un alieno. I 37 punti in semifinale e i 27 in finale sono solo due numeri che rafforzano le sue fantastiche prestazioni che hanno portato Brindisi a un passo dalla Coppa Italia. Ai piedi, una Nike KD 12 “Aunt Pearl”, ogni anno la nostro colorazione preferita di KD oltre che quella più significativa per Kevin Durant.

Julyan Stone, Umana Reyer Venezia – Air Jordan VIII “Reflections of a Champion”
Suo figlio Jayden - Air Jordan IV “What The”

Mai nome di una scarpa fu più azzeccato: Reflections of a Champions per una finale di Coppa Italia vinta. Un fantastico febbraio per Stone: probabilmente la miglior prestazione in campionato in stagione e un trofeo da festeggiare in campo con suo figlio Jayden, anche lui ben equipaggiato con un paio di Jordan IV “What The”. Buon sangue non mente.

Pietro Aradori, Pompea Fortitudo Bologna – adidas D.O.N. Issue #1 “Iron Spider”

Nella colorazione ispirata all’esoscheletro di Spider-Man creato da Tony Stark, Aradori indossa l’ultima signature line uscita da adidas, quella dedicata a Donovan Mitchell degli Utah Jazz. Due delle partite migliori nella stagione di Pietro sono arrivate in febbraio, così come è stato fondamentale per l’approdo della Fortitudo nelle semifinali di Coppa Italia. Aradori è da sempre un appassionato del mondo sneakers, quindi tenetelo d’occhio in vista delle prossime partite.

Austin Daye, Umana Reyer Venezia – Nike KD 12 “By You Design”

Non si può non inserire l’MVP. Le fantastiche medie mantenute in campionato ma soprattutto le Final Eight di Coppa Italia hanno inserito il nome di Daye nella storia di Venezia. Sempre costante e solido, è stato grazie al suo canestro allo scadere sulla Virtus Bologna in overtime che la favola della Reyer è cominciata. Daye ha alzato i titoli individuali e di squadra delle Final Eight anche lui con delle KD 12, ma con una colorazione inedita, da lui creata tramite Nike By You, ex Nike iD, per abbinarsi perfettamente ai colori di squadra.

Kelvin Martin, Happy Casa Brindisi – Air Jordan XIII “Chinese New Year”

Molto solido il febbraio di Martin, giocatore che si è confermato utilissimo a Brindisi non solo in fase realizzativa (ben sopra la media stagionale alle Final Eight), ma soprattutto a rimbalzo e negli accoppiamenti difensivi. L’aver utilizzato queste 13 “Chinese New Year” è un tocco di classe, non solo perché ha scelto uno dei modelli più sottovalutati dell’anno, ma anche per il match tra il rosa della suola e quello del numero sulla divisa appositamente creata per le Final Eight.

KOBE FOREVER

Già nella scorsa puntata abbiamo citato il riferimento a Kobe Bryant, in una selezione di scarpe della sua linea. In questo febbraio i messaggi e i riferimenti all’immortale leggenda dei Lakers sono solo aumentati. Abbiamo preso qualche esempio. Marco Spissu di Sassari ha sfoggiato delle Nike Kobe IV Protro “Draft Day” che perfettamente si abbinavano alla maglia della Dinamo ispirata ai nuraghi. Stesse scarpe che ha utilizzato anche per il suo debutto in Nazionale, sempre in febbraio. Il suo compagno e noto sneakerhead Curtis Jerrells ha sfoggiato delle meravigliose Kobe V Protro “Chaos” nel singolo match giocato in Final Eight.

Cinciarini invece è uomo adidas, brand con cui Kobe cominciò la carriera NBA. Nella foto di seguito indossa delle adidas Dame 6 “White/Scarlet”, ma quella maglia Olimpia gialloviola non poteva non essere citata in questa sezione. Se poi viene immortalata davanti alle Kobe A.D. Exodus “Military Blue” di Travis Diener, meglio ancora. La Kobe A.D. Exodus è anche il modello indossato da David Moss di Brescia, in una particolarissima colorazione “Yellow”.

Copiright fotografico: Ciamillo-Castoriatoria

Prossima storia

More Than Pics: Nike Space Jam

In Space Jam il mondo reale e quello dei Looney Tunes comunicavano tramite la buca di un campo da golf, ed è proprio questa l'ispirazione per il nostro ultimo shooting della linea che Nike ha dedicato a Space Jam, in attesa dell'uscita di Space Jam 2.