post-example-01
Back

2019-10-22

Air Jordan 1 "Shattered backboard 3.0" - I maestri dei tabelloni distrutti

Sabato 26 usciranno le Air Jordan I “Shattered Backboard” 3.0, terza interpretazione della colorazione ispirata alla partita giocata da Michael Jordan a Trieste nel 1985. Per l'occasione abbiamo parlato delle distruzioni di tabelloni più iconiche di sempre e delle loro connessioni con l'Italia.

Sabato 26 usciranno finalmente le Air Jordan I “Shattered Backboard” 3.0, terza interpretazione della colorazione ispirata alla partita giocata da Michael Jordan a Trieste nel 1985.

La storia la conoscono tutti: Jordan era in Italia su richiesta di Nike per promuovere la sua nuova Air Jordan I. Per l’occasione gioco la partita tra Stefanel Trieste e la Mobilgirgi Caserta (per l’occasione griffata da un enorme swoosh sulla maglia da gioco). Jordan avrebbe dovuto giocare con entrambe le squadre, metà gara a testa, ma decise di vestire solo la maglia dei padroni di casa. Si dice che abbia fatto ciò per competere tutta la serata con Oscar Schmidt, la Mão Santa che aveva sempre rifiutato la NBA per giocare con la propria Nazionale, impegni all’epoca non compatibili. All’interno della partita, il momento che tutti ricordano: la schiacciata con cui MJ demolì il ferro, facendo esplodere il tabellone in vetro, i cui frantumi crearono una lesione al tendine dell’incolpevole “Tato” Lopez.

Quella della distruzione del canestro è un’arte sempre più difficile, dato che i cambi di materiale e le nuove tecnologie rendono i sostegni sempre più solidi. L’originatore di questa realtà è sicuramente Darryl Dawkins, compianto maestro della schiacciata che ai 76ers ha rotto più di un tabellone. Ironicamente, anche Dawkins è un volto noto al pubblico italiano, avendo giocato 5 anni nel nostro paese, tra Torino, Milano e Forlì. Non ci sono testimonianze di canestri distrutti in Italia da parte di Dawkins ma solo l’immagine di una grande epoca del nostro campionato, in cui era possibile vedere leggende come Bob McAdoo marcarne altre come Dawkins su base settimanale.

Il re dei tabelloni demoliti però non può che essere uno: Shaquille O’Neal. Shaq ha in carriera 5 tabelloni distrutti, almeno questi sono quelli di cui si ha testimonianza. L’incredibile risultato di Shaq ha ancora più rilevanza se consideriamo la varietà della sua abilità distruttiva: un canestro rotto al college, due in NBA e due in palestre in cui si allenava, quattro tabelloni esplosi, multipli ferri staccati e due strutture completamente abbattute.

La nostra preferita? Quasi certamente quella di Jerome Lane ai tempi di Pittsburgh, in NCAA, contro Providence. Il potentissimo contropiede di Pittsburgh non solo porta Lane a posterizzare parte della difesa avversaria, ma anche a far esplodere il tabellone in una delle schiacciate più spettacolari mai viste in associazione con una demolizione strutturale. Lane non arrivò mai in Italia, solo in Spagna, ma una connessione (remota) con l’Italia c’è. Il contropiede di Lane fu guidato da Sean Miller, attuale coach degli Arizona Wildcats e l’uomo che ha portato a termine il recruitment del giocatore italiano più atteso degli ultimi anni: Nico Mannion.

Shaq, Dawkins, Lane e molti altri hanno fatto schiacciate spettacolari, distruggendo tutto quello che si poteva distruggere, come i canestri, il morale altrui o la voglia di opporsi fisicamente a certi supereroi. Nessuno però lo ha fatto con l’impatto di Jordan. La schiacciata di MJ era tutto ciò che si potesse desiderare: una giovanissima star straordinariamente nella maglia di una squadra straniera, davanti a un pubblico amante del basket ma lontano dai grandi palcoscenici, una giocata atleticamente unica con conseguenze esplosive, il tutto all’interno del tour organizzato per il lancio della scarpa che diventerà probabilmente la più iconica di sempre. La Shattered Backboard è più di una linea di Jordan, più di una colorazione. La Shattered Backboard è un manifesto, un simbolo di come un gesto atletico può infuocare la passione di una città e anche di più, creando una storia, un mix tra ricordo e leggenda metropolitana. Il fatto che Jordan voglia celebrare tutto ciò è cosa più che giusta.

Le Shattered Backboard 3.0 negli Airness Store di Milano, Roma e su airness.it nella giornata di sabato 26 Ottobre 2019.